La bacca di vaniglia è il frutto della omonima pianta originaria del Messico. Come si usa e come si ricicla? Ecco le risposte!

La vaniglia è uno degli aromi più utilizzati nella preparazione di dolci e dessert; con il suo gusto morbido e delicato, una bacca di vaniglia non deve mai mancare in cucina. Se non volete rinunciare a questo inconfondibile sapore e non volete ripiegare sulla vanillina o sugli aromi in fiale (che sono comunque un prodotto chimico confezionato e sintetico), è sicuramente meglio sapere come trattare e usare il baccello di vaniglia e i fantastici semini racchiusi al suo interno.

Poi, vediamo di scoprire qualcosa di più sul suo riciclo per non buttare via nulla!

Bacca di vaniglia: come si usa

I baccelli della pianta di vaniglia racchiudono tantissimi semini, sono questi a dare l’inconfondibile aroma a creme, impasti, dolci e dessert di ogni tipo. Le bacche generalmente vanno fatte essiccare al sole per circa tre mesi in modo da mantenere inalterati i sapori.

Per verificare che il baccello acquistato sia buono potete provare ad arrotolarlo se è troppo secco si spezzerà, in caso contrario dovreste riuscire ad arrotolarlo senza problemi.

bacca di vaniglia
bacca di vaniglia
  1. Aprire il baccello è semplicissimo: appoggiatelo su un tagliere e con la punta di un coltello incidete per tutta la lunghezza da un’estremità all’altra.
  2. Allargate delicatamente la bacca e sempre con l’aiuto del coltello estraete tutta la polpa presente all’interno.
  3. I semini così raccolti possono essere utilizzati per insaporire creme, budini mettendoli in infusione nel latte, per aromatizzare lo yogurt bianco a colazione o a merenda e dolci di ogni tipo.

Una ricetta da provare, ad esempio, è quella del budino alla vaniglia!

Stecca di vaniglia: come si ricicla

La vaniglia è considerata è un frutto davvero pregiato. Se anche avete già estratto i semini dalla bacca, l’esterno è ancora utilizzabile.

Dopo averla sciacquata potete ad ad esempio lasciarla asciugare all’aria per un’oretta e poi mettere la bacca in un barattolino con lo zucchero in modo che questo possa aromatizzarsi.

Il baccello privato dei semi è ottimo anche per dare un tocco di sapore in più al tè o al latte caldi. Provateci!

Mai più dieta punitiva! Scarica QUI il ricettario light di Primo Chef.

0/5 (0 Reviews)
Aggiungi al ricettario

Non rinunciare al gusto! Ecco il ricettario per dolci light e buonissimi

TAG:
vetrina

ultimo aggiornamento: 24-09-2020


Avete mai assaggiato la crema frangipane? Provatela sui vostri dolci!

Non avete mai assaggiato i necci toscani? È giunto il momento di rimediare!