Spesso, quando conserviamo cibi e bevande nel frigorifero, lo facciamo secondo un nostro ordine di “comodità”, senza pensare se effettivamente riponiamo ogni prodotto nel posto giusto.

Succede inoltre, che molti degli alimenti che mettiamo in frigo, non li proteggiamo adeguatamente e così facendo rischiamo solo di farli deteriorare o di contaminare gli altri prodotti presenti in cella.

In realtà non è sufficiente “raffreddare” un cibo per conservarlo bene e a lungo, ma è necessario anche riporlo nel giusto scomparto e preservarlo dalle contaminazioni esterne.

Per esempio, i formaggi devono essere sigillati in appositi contenitori o protetti con dei fogli di carta da frigo; la carne invece deve essere riposta nello scomparto più freddo dell’elettrodomestico (se deve essere consumata in breve tempo) oppure surgelata nel freezer.

Ricordate che non disporre latticini, pesce, uova, carne e verdura al posto giusto, può comprometterne la conservazione fino ad alterare l’integrità e le proprietà di ogni alimento.

Evitare gli sprechi di energia elettrica

Conservare correttamente cibi e bevande nel frigorifero, vuol dire preservare al meglio l’alimento e risparmiare corrente elettrica. Infatti se ottimizzate l’utilizzo dei vari scomparti dell’elettrodomestico, questo impiegherà meno energia a raffreddare il tutto.

Ovviamente ricordate anche di non aprire troppe volte o inutilmente lo sportello del refrigeratore, in quanto a ogni apertura avviene una dispersione termica che poi il frigo deve recuperare (consumando più corrente elettrica).

Spesso questo aspetto viene trascurato e sottovalutato, perché non ci si rende conto degli sprechi che si verificano adottando un atteggiamento leggero e noncurante.

La giusta disposizione degli alimenti in frigo

Per preservare al meglio l’aroma, la fragranza e le sostanze degli alimenti da riporre in frigorifero, è consigliabile avvolgerli con della pellicola o dei fogli d’alluminio. Diversamente è possibile conservarli all’interno di appositi contenitori dotati di chiusura ermetica.

Di seguito vi suggeriamo come disporre correttamente i vari cibi all’interno di un refrigeratore:

La carne

Di solito la carne dovrebbe essere conservata sul ripiano ubicato al di sopra dello scomparto destinato alle verdure. Naturalmente prima di riporla nella cella, questa deve essere imbustata dentro degli appositi sacchetti per alimenti o all’interno di un contenitore ermetico.

Ricordate inoltre che la carne di grosso taglio può resistere in frigo fino a un massimo di tre giorni, mentre quella macinata deve essere consumata entro e non oltre le 24 ore.

Se invece volete conservarla per periodi più lunghi, dovrete riporla nello scomparto freezer o in un congelatore a cassetti. In questo caso il periodo di conservazione non dovrà essere superiore a sei mesi.

I formaggi e i latticini

Formaggi e latticini devono essere conservati all’interno di vaschette ermetiche di vetro o di plastica, oppure devono essere avvolti in fogli di carta da frigo. Il loro ripiano ideale per la conservazione è quello situato nella zona alta del refrigeratore. 

Non dimenticate che i formaggi freschi, lo yogurt e il latte, vanno consumati entro tre giorni dall’apertura delle loro confezioni.

Gli insaccati e gli affettati

Sia gli insaccati e sia gli affettati, una volta aperti, devono essere conservati nella stessa carta per alimenti nella quale li ha avvolti il salumiere; ciò consentirà ai prodotti di mantenere intatta la loro freschezza.

Per quanto riguarda la collocazione all’interno della cella frigorifera, questi devono essere riposti vicino ai formaggi e ai latticini.

Le uova

Solitamente le uova possono essere conservate in frigo fino a un mese. Queste devono essere riposte negli appositi alloggiamenti portauova, situati nella parte interna dello sportello dell’elettrodomestico.

Il pesce

Prima di conservare il pesce in frigo, fate molta attenzione a riporlo accuratamente in appositi sacchetti per alimenti. Accertatevi di sigillarlo bene o rischierete la diffusione di cattivi odori all’interno della cella.

Inoltra ricordate che si tratta di un alimento che deve essere consumato entro un giorno; diversamente potete decidere di surgelarlo e di consumarlo più avanti

La frutta e la verdura

Generalmente la parte bassa dei frigoriferi è dotata di cassetti destinati alla conservazione di frutta e verdura. Prima di inserire questi alimenti nei loro scomparti, vi suggeriamo di imbustarli utilizzando degli appositi sacchetti di carta.

I cibi in scatola

Per ciò che riguarda i cibi in scatola, è bene sapere che una volta aperti (se non vengono consumati) non possono essere conservati riutilizzando le stesse confezioni. Al contrario, ciò che rimane deve essere travasato in un contenitore per alimenti dotato di chiusura ermetica e soltanto allora può essere riposto in frigo.

Aggiungi al ricettario

Non rinunciare al gusto! Ecco il ricettario per dolci light e buonissimi


Cucina molecolare: cos’è e come funziona