Esiste un pratico metodo che fa capire come recuperare la pasta frolla impazzita, quando l’impasto si sgretola e sembra inutilizzabile.

La pasta frolla si sbriciola? Non disperate, non tutto è perduto. Quando questo accade, potete sempre riprendere il controllo dell’impasto, attraverso un metodo semplice ed efficace. Oggi, vi spieghiamo come recuperare la pasta frolla impazzita, in pochissime mosse. Tra ciò che dovete fare e ciò che non dovete assolutamente fare in questo caso, passando per alcuni consigli su come ottenere una pasta frolla perfetta.

10 ricette per tenersi in forma

Come recuperare la pasta frolla impazzita
Come recuperare la pasta frolla impazzita

Come recuperare la pasta frolla impazzita: cosa fare e cosa no

Ad alcuni di voi, probabilmente, il termine “impazzire“, usato in questo caso, non è familiare. Ad ogni modo, viene usato per indicare un impasto che, dopo il tempo di riposo, tende a sgretolarsi. Se state cercando di lavorare il panetto di pasta frolla, ma questo si sbriciola, una sola cosa può aiutarvi.

La soluzione più ovvia è di integrare all’impasto un cucchiaio di acqua fredda alla volta, fin quando non si ricompatta. In alternativa, potete usufruire di un albume freddo, da integrare al resto. Ricordate che queste aggiunte devono essere ben fredde, altrimenti non permetteranno al burro di ricompattare il tutto.

Incorporate queste aggiunte molto velocemente, così da non permettere al panetto di scaldarsi. Una volta fatto, lasciatelo riposare ancora 30 minuti. Al termine, potete lavorarlo per creare il vostro dolce. Tuttavia, l’impasto potrà risultare poco friabile, ma è una conseguenza del recupero.

Per poter riutilizzare la frolla impazzita, che si sgretola, è importante sapere cosa non fare. Erroneamente si crede che la soluzione sia integrare all’impasto altra farina o amido. In realtà, non c’è nulla di più sbagliato di questa operazione.

Come evitare che la pasta frolla si sbricioli?

Innanzitutto è utile capire perché la pasta frolla impazzisce. Può accadere di non lavorare nel miglior modo gli ingredienti, impedendo loro di poter formare una struttura compatta. Durante il tempo di riposo, quindi, l’impasto può diventare cedevole e sgretolarsi appena si comincia a lavorarlo. Se la pasta frolla è impazzita, oltre a sbriciolarsi può non essere oleosa su tutta la superficie. In questo caso, risulta anche complicato lavorarla con un mattarello e stenderla.

Per ottenere un impasto perfetto e integro, vi sono alcuni consigli. Il burro deve essere freddo di frigo, mentre le uova devono essere a temperatura ambiente. Molto importante è anche il tempo: dovete impastare in maniera molto veloce, per non far scaldare il composto. Per questo motivo, è bene usare solo la punta delle dita per lavorarlo, per non farlo entrare in contatto con il calore del palmo.

Un altro accorgimento importante riguarda la partenza della ricetta. Cominciate triturando il burro con la farina. In questo modo, creerete un impasto che potrà assorbire più facilmente il miscuglio spumoso di uova e zucchero. Inoltre, il tempo di riposo del panetto va osservato con rigore.

E voi sapete come colorare la pasta frolla?

Riproduzione riservata © 2022 - DV

ultimo aggiornamento: 02-05-2022


Cosa occorre e come montare il latte nella propria cucina

Come tagliare le fragole a forma di rosa? Ecco la guida