Carrube: come si mangiano, le proprietà e gli usi classici (e non) del frutto dell’albero sempreverde del carrubo. Guida, consigli e idee!

Le carrube sono il frutto dell’albero del carrubo (nome scientifico Ceratonia siliqua) e appartengono alla famiglia dei legumi. Si presentano come dei baccelli lunghi all’incirca 15 cm, al cui interno si trovano dei semi duri e dalla forma leggermente appiattita. Sono un alimento povero, adatte per l’alimentazione (umana e animale) e che, nell’industria alimentare, trovano un largo uso come additivo.

In Italia è particolarmente coltivata e utilizzata in Sicilia. Eppure, la carruba appartiene oggi alla categoria dei “frutti dimenticati”, per questo è importante scoprire qualcosa in più.

Carruba: come si mangia?

Come già accennato la carruba è caratterizzata da baccelli piuttosto lunghi di colore marrone: all’esterno risultano piuttosto duri, mentre hanno una polpa carnosa e morbida dal gusto zuccherino. All’interno si trovano poi i semi, caratterizzati da una elevata concentrazione di tannini dall’effetto irritante, motivo per cui si sconsiglia di consumarne in gran quantità.

La dieta depurativa per rimettersi in forma dopo le feste

Carrube
Carrube

I baccelli privati dei semi sono destinati non solo all’alimentazione degli animali, ma possono essere utilizzati in cucina sia freschi che secchi.

I frutti freschi compresi di baccello e buccia possono essere consumati al naturale e hanno un sapore dolciastro che ricorda quello del cioccolato. Dalla polpa dei baccelli si ottiene invece la farina che senza dubbio è la forma in cui questi frutti vengono maggiormente utilizzati in cucina.

Carruba: ricette e usi in cucina

La farina di carruba (naturalmente priva di glutine) è considerata un valido sostituto del cacao in polvere per questo viene utilizzata in diverse preparazioni dolci.

La farina ottenuta dai semi, invece, è un ottimo addensante naturale ed è utilizzata per preparare creme, gelati, salse e zuppe (soprattutto degli amanti della cucina vegana). Attenzione, però, alla concentrazione di zucchero: questa farina ne ha una maggior concentrazione, motivo per cui bisogna dosarla con attenzione.

Qualche ricetta? Possiamo proporvi dei deliziosi tartufini crudisti alla carruba i cui unici ingredienti sono: 6 cucchiai di farina di carrube, 70 g di cacao in polvere, 20 g di cioccolato fondente e mandorle quanto basta.

Chi ama i sapori forti, invece, potrà provare il liquore di carrube (se siete pratici di digestivi, il procedimento è sempre lo stesso). Infine, anche i meno esperti in cucina, possono provare il goloso budino di carrube: così buono che vi lascerà senza parole!

Mai più dieta punitiva! Scarica QUI il ricettario light di Primo Chef.

0/5 (0 Reviews)

Riproduzione riservata © 2022 - DV

ultimo aggiornamento: 04-10-2020


Differenza tra surgelare e congelare: siete davvero sicuri di sapere tutto?

Muffin alle carote tipo Camille: la ricetta semplicissima!