Sapete già cos’è l’eritritolo? Conosciamo meglio questo dolcificante naturale, insieme a tutti i suoi vantaggi e i suoi modi d’uso.

Se non sapete cos’è l’eritritolo, siete nel posto giusto? Ancora per poco prodotto di nicchia, questo è sempre più usato in cucina grazie ai suoi tanti vantaggi. Si tratta di un dolcificante di origine naturale, un po’ come la stevia, che si trova nella frutta. Le sue proprietà nutritive sono straordinarie, tanto da diventare uno dei nuovi superfood. In poche righe, scopriamo quanto è sano l’eritritolo.

10 ricette per tenersi in forma

Eritritolo cos'è
Eritritolo cos’è

Curiosità sull’eritritolo: cos’è e a cosa serve

In poche parole, possiamo affermare che l’eritritolo è un sostituto dello zucchero. Consiste in una sostanza contenuta nella frutta in piccole quantità e che da essa viene estratto attraverso un processo di fermentazione che, però, avviene industrialmente. Si tratta di un’ottima alternativa ai comuni dolcificanti sintetici. Il suo utilizzo è stato approvato nel 1990 in 60 Paesi del mondo e solamente nel 2000 in Europa.

La sua consistenza e il suo sapore non sono molto diversi dallo zucchero semolato o altri dolcificanti artificiali in commercio. Ciò che cambia è la composizione naturale, grazie alla quale ha un potere dolcificante pari al 70% rispetto a quello di altri prodotti sintetici.

Proprietà dell’eritritolo

Questo prodotto contiene molti benefici per l’organismo umano. Indicato soprattutto per chi soffre di diabete, possiede un indice glicemico molto vicino allo 0. Anche il suo apporto calorico è minimo, con solo 0,2 kcal per grammo. Inoltre, è ottimo anche per la salute del cavo orale, non incidendo sulla formazione di carie.

Tuttavia, ci si può chiedere se l’eritritolo fa male. Con tutte queste proprietà benefiche, potremmo pensare di no ed in parte non sbaglieremmo. Tuttavia, vi sono delle controindicazioni sull’eritritolo. Soprattutto i soggetti più sensibili in termini di funzione intestinale, potrebbero risentire del suo effetto lassativo. In generale, è consigliabile non eccedere nell’assunzione di questo prodotto. La dose giornaliera consigliata è tra i 5 e i 15 grammi.

Vediamo le differenze tra tutti i tipi di tè.

Riproduzione riservata © 2022 - DV

ultimo aggiornamento: 12-07-2022


Idee e ricette per utilizzare i tuorli avanzati

Tra storia e cucina, ecco la differenza tra croissant, brioches e cornetto