Il cioccolato è vegano? Un vegano può mangiare cioccolato? Cerchiamo di dare una risposta a queste e altre importanti domande.

Il cacao è l’aroma più antico al mondo. Usato come bevanda fin dai tempi dei Maya, è presente in moltissime preparazioni dolci, che hanno attraversato i secoli e i millenni. Ad oggi caratterizza golose barrette, diffuse e consumate in tutto il mondo. Di queste ce ne sono vari tipi, perché non esiste solamente un unico cioccolato.

La domanda che ci poniamo oggi e che riguarda questo delizioso ingrediente è se il cioccolato è vegano. Questa particolare dieta esclude il consumo di alimenti di origine animale e questo vale anche per il latte. Ciò vuol dire che non tutte le forme di questo prodotto possono adattarsi a tale alimentazione. Tuttavia, basta fare qualche ricerca ed è facile capire che cioccolato mangiano i vegani.

Ricette di Primavera: 9 piatti per la tua tavola

Il cioccolato è vegano
Il cioccolato è vegano

Quando il cioccolato è vegano?

Per prima cosa, bisogna individuare quale cioccolato non contiene latte vaccino, che è un alimento non previsto da questa particolare dieta. Certamente, è da escludere quello al latte e quello bianco. Per quest’ultima, può essere fatta eccezione per il cioccolato bianco fatto con latte di soia e, quindi, composto da elementi a base vegetale.

A questo punto, vi starete chiedendo: il cioccolato fondente è vegano? La risposta è si. Questa varietà è, forse, la meno apprezzata, specialmente dai più piccoli, perché risulta la più amara. Nella sua ricetta ci sono solamente cacao, burro di cacao e una certa percentuale di zucchero. Oltre che composto solamente da ingredienti a base vegetale, è anche adatto per un’alimentazione sana e dietetica, perché contiene poche calorie.

Tuttavia, è importante chiedersi: cioccolato vegano o cioccolato fondente è lo stesso? Non sempre è così. Anche se a base fondente, un prodotto può contenere una certa quantità di latte in polvere o altri ingredienti di origine animale. Tale discorso non vale solo per le barrette, ma anche per cioccolatini o altri prodotti composti – per la maggior parte – di questo prezioso ingrediente a base di cacao.

Il cioccolato è vegano? consigli per sceglierlo e gustarlo

La regola principale quindi è osservare ciò che descrive l’etichetta e controllare che non vi siano latte o altri prodotti a base animale nella ricetta. Per un prodotto di qualità, scegliete un fondente che contenga oltre il 65% di cacao e nessun zucchero aggiunto. Evitate anche il cioccolato che contiene grassi vegetali idrogenati.

Per essere ottimo, un prodotto deve avere aspetto lucido, essere profumato e scricchiolare sotto i denti ad ogni morso. Il modo migliore per conservarlo è avvolgerlo nella stagnola o nella pellicola trasparente. La temperatura migliore, che non tende a rovinare il suo sapore, è quella compresa tra i 18°C e i 20°C.

Scoprite come fondere il cioccolato, nel modo più semplice.

Riproduzione riservata © 2022 - DV

ultimo aggiornamento: 16-01-2022


Ma quanti tipi di zucchero esistono?

Come sostituire la carta forno? Ecco dei semplici segreti