Ingredienti:
• 250 g di farina 00
• 160 g di zucchero semolato
• 1 pizzico di sale
• 100 g di burro
• 2 uova
• 1/2 arancia (scorza e succo)
• 8 g di lievito di birra
• 125 ml di latte
• 1 pizzico di zafferano
• 150 g di panna fresca liquida
• 180 g di mascarpone
• 40 g di zucchero a velo (+ q.b. per la decorazione)
• cacao amaro in polvere q.b.
difficoltà: facile
persone: 10
preparazione: 30 min
cottura: 30 min
kcal porzione: 305

Un impasto estremamente soffice e un ripieno straordinariamente cremoso, ecco la ricetta della Schiacciata fiorentina tradizionale.

Questo nome potrebbe creare confusione, perché viene utilizzato anche per indicare un dolce il cui impasto è un po’ più simile a una focaccia. Oggi, però, vi presentiamo la vera Schiacciata alla fiorentina, che prevede una doppia lievitazione. Si tratta di un dolce tipico della nota città italiana della Toscana, una ricetta soffice e che conquista tutti al primo assaggio. L’impasto è realizzato con ingredienti semplici e prodotti tipici e può essere aromatizzato con arancia e zafferano. In questa versione, inoltre, è previsto un ripieno cremoso, che rende ancor più particolare il dessert.

Tradizionalmente, questa Schiacciata toscana dolce viene preparata per il periodo di Carnevale. Più precisamente, è un dolce riservato per deliziare grandi e piccoli durante il martedì grasso. Insomma, un altro prodotto tipico italiano con cui festeggiare il periodo più colorato dell’anno. Non vi basta far altro che ricoprirlo con tanto zucchero a velo e decorarlo con il famoso Giglio di Firenze, interamente di cacao.

10 ricette per arrivare pronti alla prova costume

Schiacciata fiorentina
Schiacciata fiorentina

Preparazione della ricetta originale per la Schiacciata fiorentina

  1. Per cominciare, scaldate il latte in un pentolino. Poi, versate il lievito al suo interno e mescolate per farlo sciogliere.
  2. In un ampio recipiente, versate la farina (setacciata). Aggiungete lo zucchero, le uova e la miscela di latte e lievito. Mescolate.
  3. Insaporite con un pizzico di sale e lo zafferano. Grattugiate la scorza dell’arancia, per aggiungerla al resto. Spremetela, filtratene il succo e unite anch’esso.
  4. Continuate a impastare, fin quando si forma un panetto liscio e compatto.
  5. Man mano che impastate, aggiungete il burro (a tocchetti) un po’ alla volta.
  6. Quando ottenete un panetto lucido, avvolgetelo nella pellicola trasparente e lasciate lievitare per 2 ore (a temperatura ambiente), fino a farlo raddoppiare di volume.
  7. Trascorso questo tempo, rivestite uno stampo per dolci rettangolare con carta da forno.
  8. Stendete l’impasto con un mattarello, per ottenere una sfoglia rettangolare, e posizionatela nella teglia.
  9. Ricoprite con pellicola e lasciate lievitare per altre 2 ore l’impasto per la Schiacciata fiorentina soffice.
  10. Successivamente, togliete la pellicola e fate cuocere in forno preriscaldato a 180°C per 30 minuti.
  11. Nel frattempo, create il ripieno. In una ciotola, versate la panna liquida.
  12. Montatela a neve ferma e, poi, aggiungete il mascarpone e lo zucchero a velo. Montate ancora con lo sbattitore elettrico.
  13. Quando l’impasto è cotto e tiepido, trasferitelo su un piano. Tagliate in senso orizzontale a metà altezza e ponete la base su un vassoio da portata.
  14. Con una spatola, spalmate la crema su tutta la base. Ricoprite con la seconda metà di impasto.
  15. Spolverizzate tutta la superficie con zucchero a velo. Con uno stencil, create la forma del Giglio sulla superficie, da riempire con il cacao in polvere, per una perfetta torta fiorentina.

Conservazione

Nonostante i lunghi tempi per la doppia lievitazione, questa Schiacciata alla fiorentina ripiena è pratica da fare in casa. Potete conservarla in frigo, in un contenitore ermetico, per 2-3 giorni.

In alternativa, provate la particolare e dolce focaccia fiorentina, ovvero la Schiacciata con l’uva!

0/5 (0 Reviews)

Riproduzione riservata © 2022 - DV

ultimo aggiornamento: 02-12-2021


La torta ricotta e pere con Bimby è ancora più facile

Facciamo gli Occhi di Santa Lucia dolci per la notte più lunga che ci sia