Al caffè, all’aceto balsamico o al porto: ecco come fare le riduzioni in cucina, tra idee e ricette semplicissime.

Oggi ci dedichiamo a un importante quesito che affligge tutti gli appassionati di cucina, ovvero come fare le riduzioni da usare per le preparazioni dolci. Cominciamo precisando che le riduzioni sono condimenti dalla consistenza simile a una salsa, ottenuta attraverso un processo di evaporazione di alcuni liquidi. Il risultato si adatta a qualsiasi tipo di ricetta e la sua funzione è quella di dare molto più sapore al piatto, rendendolo irresistibile.

Ecco come fare le riduzioni in cucina

10 ricette DETOX per rimetterti in forma

Riduzione
Riduzione

Per attuare questa tecnica, è necessario avere un liquido di partenza, come ad esempio l’aceto, il miele o aromi vari. Una volta evaporati, questi assumono una consistenza gelatinosa e il sapore risulta più concentrato, grazie alla caramellizzazione degli zuccheri. Prima di procedere, però, bisogna fare attenzione a due dettagli: la qualità dei prodotti di partenza e la cottura. Quest’ultima deve essere moderata e a temperatura costante per tutto il tempo. In questo caso, i piani a induzione sono perfetti.

Fare le riduzioni è molto facile e serve una pentola dal fondo spesso, in cui versare il liquido di partenza. Durante la cottura, l’ingrediente deve ridursi di volume e, per farlo, bisogna non coprire con un coperchio e non mescolare troppo. Per rendere le riduzioni anche più dense, è possibile aggiungere alcuni ingredienti particolari, ovvero degli addensanti. I più comuni sono la farina, l’amido di mais e la fecola di patate.

Tre idee perfette di riduzioni

Una volta pronte, possono essere conservate in frigo, in vasetti con chiusura ermetica. In questo modo, potete tenerle per alcune settimane e utilizzarle all’occorrenza. Le riduzioni sono utili per insaporire pietanze sia a base dolce che a base salata, sia calde che fredde. Molti alimenti si prestano bene a questo tipo di procedimento, in particolare ve ne consigliamo tre dolci.

Come fare la riduzione di caffè

Riduzione al caffè e fetta di torta
Riduzione al caffè e fetta di torta
  • 3 tazzine di caffè
  • 150 ml di acqua
  • 4 cucchiaini di zucchero semolato
  1. Realizzare la riduzione di caffè è semplicissimo. Cominciate versando le 3 tazzine calde in un pentolino antiaderente.
  2. Aggiungete lo zucchero e mescolatelo, per farlo sciogliere. Versate l’acqua e accendete il fuoco a fiamma media.
  3. Fate sobbollire per 5 minuti, mescolando di tanto in tanto, e poi passate a fiamma bassa. Lasciate cuocere in questo modo, senza coprire con il coperchio, per 10 minuti.
  4. In questo tempo, il liquido evapora e si riduce. Quando raggiunge una consistenza gelatinosa, è pronta.

Come fare la riduzione di aceto balsamico

Riduzione all'aceto balsamico
Riduzione all’aceto balsamico
  • 250 ml di aceto balsamico
  • 1 cucchiaino di zucchero semolato
  • 1 stecca di cannella (facoltativo)
  1. Versate l’aceto balsamico in un pentolino antiaderente.
  2. Aggiungete 1 cucchiaino di zucchero e la stecca di cannella, per rendere il tutto più speziato.
  3. Portate sul fornello e fate cuocere per 15 minuti a fuoco medio. Non coprite con un coperchio, per permette al liquido di evaporare e dimezzare il proprio volume.
  4. Dopo la cottura deve sembrare un composto gelatinoso. Se non lo è del tutto, lo diventa successivamente, mentre si raffredda.

Come fare la riduzione al porto

Riduzione al porto
Riduzione al porto
  • 80 ml di vino Porto
  • 500 ml di acqua
  • 350 g di zucchero semolato
  • 1 stecca di cannella
  • 1 g di bacca di vaniglia
  1. In un pentolino dal fondo spesso, versate l’acqua e lo zucchero.
  2. Aggiungete la stecca di cannella ed estraete i semi dalla bacca di vaniglia. Accendete il fuoco a fiamma media, per far sciogliere lo zucchero.
  3. Una volta arrivato a ebollizione, unite il vino Porto e passate alla cottura a fiamma bassa. Lasciate cuocere in questo modo per 15 minuti, senza coprire con il coperchio, per far evaporare il liquido e permettere di dimezzare il suo volume. Al termine, la riduzione assume una consistenza gelatinosa.

Cibi in scadenza: come comportarsi e quali alimenti congelare

Facciamo chiarezza sulla differenza tra muffin e cupcake