Ingredienti:
• 400 g di farina 00
• 2 uova biologiche
• 50 g di olio extra vergine d'oliva
• ½ bustina di lievito per dolci
• 1 arancia biologica
• 200 g di miele millefiori
• 150 g di noci
• 150 g di mandorle
• 100 g di uvetta
• 100 g di fichi secchi
• cannella q.b.
• zucchero q.b.
• sale q.b.
difficoltà: facile
persone: 4
preparazione: 30 min
cottura: 60 min

Prepariamo insieme la pitta mpigliata, un dolce semplice e al contempo sofisticato e che conquista sempre tutti.

La pitta mpigliata, nota anche come pitta nchiusa, è un dolce tipico di Natale che si prepara in Calabria. Di origini antiche, è a base di frutta secca e miele e può essere realizzata sia in forma schiacciata (che poi è il significato ebraico della parola pitta) che a roselline.

In ogni caso, il sapore è davvero avvolgente. E tutto per un dolce tutto sommato semplice da realizzare e che si realizza perfetto per ogni occasione.

10 piatti detox per rimettersi in forma dopo le feste

pitta mpigliata
pitta mpigliata

Preparazione della ricetta della pitta mpigliata

  1. Iniziate mettendo in ammollo l’uvetta.
  2. Spezzettate o tagliate tutta la frutta secca in modo da dargli la stessa grandezza. Una volta fatto, versatela in una ciotola.
  3. Lavate l’arancia e sbucciatela in modo da ricavarne la scorza. Nel farlo abbiate cura di eliminare del tutto la parte bianca che altrimenti renderebbe il tutto amaro.
  4. Tritate con il coltello la scorza e aggiungetela alla frutta secca.
  5. Ora tornate all’uvetta, strizzatela e aggiungetela nella ciotola.
  6. Inserite nella stessa anche i fichi secchi.
  7. Ora, versate 150 g di miele e iniziate a mescolare il tutto, mettendolo poi a riposare.
  8. In un’altra ciotola versate la farina, le uova e il lievito ed iniziate a mescolare.
  9. Aggiungete l’olio e il sale e impastate con vigore. Se volete potete effettuare questo passaggio anche con l’aiuto della planetaria.
  10. Quando l’impasto diventa elastico, dategli la forma di un panetto, avvolgetelo nella pellicola trasparente e fatelo riposare in frigo per mezz’ora.
  11. Trascorso il tempo, dividetelo in due parti cercando di ottenerne una più grande dell’altra.
  12. Prendete la più piccola e ricavatene un disco poco più grande dello stampo che deciderete di usare.
  13. Rivestite lo stesso (solo dopo averlo foderato con carta forno) e cospargetelo con quasi tutto il resto del miele (meglio tenerne da parte una piccolissima parte per dopo), spolverandovi sopra la cannella e se volete un pizzico di zucchero.
  14. Ora, prendete l’altra parte di impasto e ricavatene un rettangolo.
  15. Sistematevi sopra il ripieno messo precedentemente da parte e arrotolate il tutto per la parte più lunga. Il risultato finale dovrà essere quello di un rotolo molto stretto.
  16. Una volta ottenuto, posizionate lo stesso su un tagliere e tagliatelo a fette in modo da ricavare delle girelle.
  17. Sistemate le stesse sul disco di impasto già sistemato nello stampo da forno e abbiate cura di metterle una accanto all’altra riempiendo del tutto la tortiera.
  18. Cospargete con un altro po’ di miele e infornate in forno preriscaldato a 170°C lasciando cuocere il tutto per un’ora.
  19. Trascorso il tempo, sfornate il dolce, lasciatelo raffreddare e servitelo.

Conservazione

Questo dolce si conserva per 2 o 3 giorni purché ben riposto in frigo e sotto una campana di vetro o di plastica.

Se questa ricetta vi è piaciuta, provate anche quella del tronchetto di Natale!

0/5 (0 Reviews)

Riproduzione riservata © 2023 - DV

ultimo aggiornamento: 23-12-2022


Fresco, cremoso e nutriente, il sorbetto al mandarino è il dessert che stavate aspettando!

Torta Angelica con il Bimby, semplice e incredibilmente buona