Cosa sono i semi di chia? Quali sono le proprietà e i benefici che apportano al nostro organismo? Conosciamo meglio questo superfood.

I semi di chia sono dei piccoli semini scuri che arrivano dalla pianta di Chia (Salvia Hispanica L.) della famiglia delle Labiate, una pianta da fiori annuale originaria del Massico, del Guatemala, del Belize e del Nicaragua. Le piantagioni di questo esemplare si sono poi spostate anche in altri paesi come Argentina, Equador, Australia e Bolivia divenuti poi tra i paesi più produttivi. Pur essendo piccolissimi i semini sono ricchi di proprietà nutrizionali, tant’è che grazie al loro contenuto di vitamine, sali minerali e soprattutto omega-3 possono essere definiti un vero e proprio “superfood”.

Semi di chia
Semi di chia

Semi di chia: proprietà e benefici

Piccoli nell’aspetto, ma ricchissimi di proprietà, i semi di chia sono fonte di antiossidanti (quercetina, campferolo, miricetina, acidi clorogenico, caffeico e ferulico), vitamine del gruppo B, provitamina A e vitamina C. Contengono un’elevata quantità di acidi grassi (Omega-3, Omega-6, Omega-9) e sali minerali come selenio, fosforo, manganese, zinco e ferro.

Tutti questi nutrienti conferiscono ai semi di chia molteplici proprietà che si traducono in:

  • Salute dell’intestino: grazie alle fibre e alla capacità di regolare i livelli dello zucchero presenti nel sangue migliorano l’insulino resistenza riducendo il rischio di diabete 2;
  • Senso di sazietà favorito grazie all’apporto proteico:
  • Benefici per la salute di ossa, cuore, nervi e muscoli grazie all’elevato contenuto di minerali;
  • Migliorano l’attività del sistema nervoso e la salute cardiovascolare, contrastano le infiammazioni grazie agli acidi grassi omega-3, la cui azione riduce la possibilità di insorgenza di eventi cardio-cerebro-circolatori come ictus e infarti;
  • Benefici per la pressione arteriosa;
  • Abbassano il rischio cardiovascolare, di osteoporosi e di cancro grazie alla quercetina e al campferolo. La quercetina allevia mal di testa, allergie, nausea e asma, mentre il campferolo è un potente antinfiammatorio e antiossidante.

Semi di chia: uso in cucina

La quantità consigliata di semi di chia da consumare è di circa 10/25 grammi al giorno. Al naturale sono praticamente insapori e inodori, non contengono glutine e dunque sono un ottimo alimento anche per i celiaci.

Questi semi non hanno bisogno di essere cotti e possono essere utilizzati in svariate ricette: sono perfetti da aggiungere allo yogurt o al latte a colazione, nel porridge o nelle insalate.

Uniti a sostanze liquide poi formano una gelatina che può essere utilizzata per sostituire le uova negli impasti. Questo gel è utile anche a chi soffre di irregolarità intestinale: basta mettere in ammollo un cucchiaio di semi di chia in mezzo bicchiere di acqua e lasciar riposare per 30 minuti prima di consumarlo.

I semi possono essere acquistati anche già macinati in modo da aggiungerli ad altre tipologie di farina nella preparazione di biscotti, torte o pane.

Volete provarli? Sapete che si utilizzano i semi di chia per dimagrire? Grazie alle proprietà sazianti sono degli ottimi alleati contro i chili di troppo.


Sterilizzare vasetti di vetro: una guida con tutti i consigli da seguire

Pulire con il limone: tante idee pratiche e veloci per la cucina