Ingredienti:
• 250 g di mandorle sgusciate
• 5 uova
• 220 g di zucchero
• 1 pizzico di sale
• zucchero a velo q.b.
difficoltà: facile
persone: 10
preparazione: 20 min
cottura: 40 min
kcal porzione: 290

La torta di Santiago è un interessante dolce arricchito dal gusto delle mandorle. La sua storia è lunga e, oggi, possiamo prepararla in casa con e senza Bimby.

La storia della torta di Santiago è molto interessante e ha origini antiche. La nascita di questo dolce alle mandorle si colloca nel 1577. Nata con il nome di torta Real, questa si è diffusa in tutta la Galizia ma, principalmente, è un dolce tipico dell’area che percorre il noto Cammino per raggiungere il Santuario di Santiago de Compostela. Solo nel 1924, la Croce di Santiago, o Cruz de Santiago, è diventata il simbolo di questo dolce e il merito va a José Mora. Questo pasticcere è stato uno dei più noti in terra compostelana ed è stato il primo ad apporre questo disegno sulla superficie della torta.

La ricetta tradizionale di questo tipico dolce spagnolo è arrivata fino ai giorni nostri. Semplice da fare e buona da mangiare, perché fatta con pochi ingredienti. L’elemento principale è la farina di mandorle, adatta anche per chi non può assumere glutine. Il risultato è un impasto morbido, fragrante e non molto alto, da gustare in qualsiasi momento. Se siete curiosi, scopriamo come prepararla nel modo classico o con l’aiuto del Bimby!

10 ricette DETOX per rimetterti in forma

Torta di Santiago
Torta di Santiago

Preparazione della torta di Santiago

  1. Prima di cominciare con la ricetta, accendete il forno a 180°C, perché deve essere caldo quando infornate il dolce.
  2. Inizialmente, dedicatevi alle uova e dividete i tuorli dagli albumi. Versate i tuorli in una ciotola e aggiungete 110 g di zucchero e un pizzico di sale (se preferite, invece, potete sostituirlo con un pizzico di cannella in polvere). Con l’aiuto delle fruste elettriche montate, fino ad avere un composto spumoso.
  3. In un’altra ciotola, versate gli albumi con gli altri 110 g di zucchero e montate per ottenere un composto omogeneo.
  4. Se non disponete di 300 g di farina di mandorle potete farla in casa. Sgusciatele e mettetele nel recipiente di un mixer, poi tritate fino ad avere un composto farinoso.
  5. Una volta fatto, versatelo nella ciotola contenente i tuorli montati. Mescolate delicatamente per amalgamare la farina di mandorle e, poi, versate anche gli albumi montati a neve. Sempre con l’aiuto di una spatola, mescolate dal basso all’alto, per far unire i due composti senza, allo stesso tempo, smontarli troppo.
  6. Dopo aver amalgamato per bene, prendete una tortiera a cerniera dal diametro di 24 cm e rivestitela con carta forno. Versate all’interno tutto il composto.
  7. Non rimane che fare cuocere in forno preriscaldato a 180°C per circa 40 minuti. Una volta dorata la superficie, potete toglierla e farla raffreddare.
  8. Trasferitela su un piatto da portata e, se lo avete, ponete al centro lo stencil della croce di San Giacomo. Spolverizzate con lo zucchero a velo per ottenere una decorazione come in foto!

Preparazione della torta di Santiago con Bimby

  1. Preparare questo dolce spagnolo con il Bimby è ancora più semplice. Per prima cosa, accendete il forno a 180°C per averlo ben caldo al momento della cottura.
  2. Se non avete 300 g di farina di mandorle, potete sgusciarle e metterle nel boccale del robot da cucina. Tritate per 15 secondi a velocità 10 e mettete da parte questo composto farinoso.
  3. Dopo aver liberato la ciotola, mettete lo zucchero e tritate per 10 secondi a velocità 10.
  4. Rompete le uova e dividete i tuorli dagli albumi. Aggiungete i tuorli allo zucchero tritato e, poi, anche gli albumi. Unite un pizzico di sale (o di cannella in polvere) e mescolate per 10 secondi a velocità 5.
  5. Unite anche la farina di mandorle e mescolate per 10 secondi a velocità 4.
  6. Dopo aver ottenuto un composto omogeneo, versatelo in una tortiera a cerniera, dal diametro di 24 cm e rivestita con carta da forno.
  7. Infornate a 180°C per circa 40 minuti, fino a dorare la superficie. Trascorso questo tempo, la ricetta è conclusa e potete far raffreddare e servire il dolce, nel modo descritto sopra.

Conservazione

Una volta provata questa torta di Santiago, non potrete più farne a meno. La sua consistenza soffice può rimanere intatta per alcuni giorni. Potete conservare questo dolce in un luogo fresco e mantenendolo coperto con carta stagnola o con della pellicola trasparente, per 3-4 giorni.

Per un’altra ricetta veloce e facile da preparare, provate quella per la torta in padella!

5/5 (1 Review)
TAG:
Torte

ultimo aggiornamento: 11-05-2021


La fantastica Nutella bianca è facile da fare in casa e super golosa

Trucchi e consigli per una ganache al cioccolato perfetta