Ingredienti:
• 500 g di pane raffermo
• 600 ml di latte tiepido
• 60 ml di grappa
• 100 g di uvetta
• 5 uova
• 1/2 cucchiaino di sale
• 150 g di zucchero semolato (+ q.b. per la decorazione)
• 4 mele
• la scorza grattugiata di 1/2 limone
• 70 g di farina 00
• 2 cucchiai di lievito in polvere per dolci
difficoltà: facile
persone: 8
preparazione: 15 min
cottura: 45 min
kcal porzione: 350

La base della torta putana vicentina è fatta di pane raffermo, ma questo dolce è arricchito con una varietà di sapori, tra cui mele, liquore, uvetta.

Tra i dolci più famosi del Veneto c’è la torta putana. Stiamo parlando di un dessert vicentino di origini molto antiche, tramandato di generazione in generazione e rivisitato in alcune occasioni. A primo impatto, ciò che incuriosisce di più è il suo nome. Su di esso ci sono varie versioni, c’è chi racconta che sia dovuto al fatto che fosse il dolce della merenda dei bambini e, quindi, la denominazione deriverebbe dal termine “putea”, ovvero bambina. Alcuni raccontano che sia nato in un ristorante, in cui un signore se l’era vista presentare per sbaglio, mentre il locale era al buio, e che avesse proprio fatto questa esclamazione.

Il suo impasto è caratterizzato da un insieme di ingredienti facilmente trovabili in casa e che vengono messi insieme quasi per caso. La base è fatta con avanzi di pane raffermo, per insaporirla potete usare mele, uvetta, liquore, scorza di limone. Molto amata è anche la versione che vede sostituire il pane con la farina di mais, che vi consigliamo ugualmente.

9 ricette autunnalli per la tua tavola

Torta putana
Torta putana

Preparazione della ricetta per la torta putana

  1. Per cominciare, scaldate un po’ il latte in un pentolino. Immergete all’interno il pane raffermo (fatto in pezzi piccoli) e lasciatelo in ammollo per 4 ore. Molto meglio sarebbe lasciarlo tutta la notte.
  2. In un altro recipiente, mettete la grappa e lasciate in ammollo l’uvetta.
  3. Trascorso il tempo di ammollo, frullate il composto con pane e latte per renderlo omogeneo.
  4. A questo, aggiungete le uova, il sale e lo zucchero e impastate.
  5. Lavate, pulite e tagliate a pezzi piccoli le mele.
  6. All’impasto precedente, aggiungete l’uvetta e la grappa, le mele, la buccia grattugiata di limone. Setacciandoli, versate anche la farina e il lievito. Impastate per amalgamare il tutto.
  7. Imburrate uno stampo per dolci e versate all’interno l’impasto. Inumidite le mani e stendetelo equamente.
  8. Fate cuocere in forno preriscaldato a 180°C per 45 minuti. A cottura terminata, cospargete la superficie con zucchero semolato e fate raffreddare.

Come fare la torta putana con farina di mais

  • 210 g di farina di mais
  • 120 g di farina 00
  • 600 ml di latte
  • 100 g di burro
  • 60 ml di grappa
  • 4 mele
  • 150 g di zucchero semolato
  • la scorza grattugiata di 1/2 limone
  • 100 g di uvetta
  1. Per cominciare, mettete in ammollo l’uvetta nella grappa.
  2. Riscaldate il latte in una pentola ampia, insieme alla scorza di limone grattugiata, fino a sfiorare il bollore.
  3. Mescolate, in una ciotola, la farina 00 e la farina di mais. Poi, versatele a pioggia sul latte.
  4. Fate cuocere per 15 minuti.
  5. Trascorso questo tempo, incorporate il burro a tocchetti e lo zucchero. Trasferite il composto in una ciotola.
  6. Lavate, pulite e tagliate a cubetti le mele.
  7. Unitele all’impasto, insieme all’uvetta e grappa. Impastate.
  8. Imburrate uno stampo per dolci e versate all’interno l’impasto. Con le mani inumidite stendetelo.
  9. Fate cuocere in forno preriscaldato a 180°C per 45 minuti. Appena cotto, cospargete la superficie con lo zucchero e fate raffreddare.

Conservazione

Una volta provata questa ricetta facile e veloce, non potrete più resistere a uno dei più buoni prodotti tipici vicentini. Se avanza, potete conservarla sotto una campana di vetro, a temperatura ambiente, per 2-3 giorni.

Questo dolce vicentino condivide alcuni ingredienti con la torta di mele di Sant’Orfeo, ugualmente gustosa!

0/5 (0 Reviews)

Riproduzione riservata © 2021 - DV

Torte

ultimo aggiornamento: 17-11-2021


Ciambelle vegane: senza latte, burro e uova, ma super soffici

Sasanelli pugliesi, i deliziosi biscotti con cacao e vincotto