Ingredienti:
• 200 g di latte in polvere
• 50 g di farina 00
• 1 cucchiaino di lievito in polvere
• 100 ml di latte intero
• 30 g di burro
• 4 semi di cardamomo
• 200 ml di acqua
• 200 g di zucchero semolato
• 40 ml di acqua di rose
• 1 pizzico di zafferano in polvere
• olio di semi q.b.
• pistacchi q.b.
difficoltà: facile
persone: 4
preparazione: 25 min
cottura: 15 min
kcal porzione: 323

I gulab jamun sono un dolce tipico della cucina indiana, fatti con un semplice impasto e aromatizzati all’acqua di rose.

Avete mai sentito parlare dei gulab jamun? Si tratta di una dolcezza indiana, le cui origini però sono da associare alla cultura araba. Ad oggi sono uno dei dolci più diffusi nel subcontinente indiano, tra cui appunto l’India o il Pakistan. Questi dolci tipici dell’Asia occidentale non sono altro che delle frittelle, fatte con un impasto molto semplice.

La ricetta tradizionale prevede di impastare latte in polvere, ovvero il latte Khoa, insieme alla farina. Il secondo passaggio prevede di friggerle in olio vegetale, o nel ghee, un burro chiarificato tipico di questa cucina. La loro forma è quelle di deliziose sfere che, durante la cottura, diventano morbide e spugnose. Per decorarle, poi, serve tanto sciroppo a base di zucchero e acqua di rose e una spolverata di mandorle o pistacchi.

10 ricette per tenersi in forma

Gulab jamun
Gulab jamun

Preparazione della ricetta per i gulab jamun

  1. Per cominciare, setacciate il latte in polvere e versatelo in una ciotola; fate lo stesso con la farina e il lievito e uniteli nel recipiente.
  2. In un pentolino mettete il burro e fatelo sciogliere sul fornello.
  3. In un altro pentolino, versate il latte intero e scaldate anch’esso.
  4. Quando questi due ingredienti sono sufficientemente caldi (e il burro fuso), aggiungeteli – uno alla volta – alle polveri, insieme al cardamomo.
  5. Mescolate e, poi, impastate il composto, che deve essere appiccicoso ed elastico; attenti a non lavorarlo troppo, perché deve essere sufficientemente modellabile. Una volta pronto, lasciatelo nella ciotola a riposare un po’.
  6. Nel frattempo, fate lo sciroppo. In un pentolino, versate l’acqua e aggiungete lo zucchero e lo zafferano.
  7. Mettete sul fornello e fate cuocere, mescolando per far sciogliere lo zucchero. Quando arriva a bollore, unite l’acqua di rose e fate cuocere per 5 minuti. Al termine, spegnete e fate raffreddare.
  8. Prendete una padella dai bordi alti e riempitela con olio vegetale; mettete sul fornello e fate scaldare.
  9. Su un vassoio, stendete un foglio di carta assorbente.
  10. Prelevate un po’ di impasto alla volta e modellatelo a forma di sfera, non troppo grande. Man mano che create le frittelle, fatene friggere poche alla volta nell’olio caldo.
  11. Quando sono ben dorate (non fatele scurire troppo), prendetele con una schiumarola e mettetele sulla carta assorbente, per asciugare.
  12. Prendete un piatto largo e con bordi alti e riempitelo con lo sciroppo. Immergete le frittelle all’interno, una accanto all’altra, lasciatele riposare così per 1 ora.
  13. Trascorso questo tempo, decoratele con pezzi di pistacchio o mandorle.

Conservazione

Queste frittelle dolci tipiche, ovvero i gulab jamun, sono molto facili da fare in cucina. Potete conservarli a temperatura ambiente per 1-2 giorni; oppure in frigo per 1 settimana, in un contenitore ermetico.

Provate il gusto esotico della torta al mango.

0/5 (0 Reviews)

Riproduzione riservata © 2022 - DV

ultimo aggiornamento: 22-07-2022


Buona e facile, ecco la marmellata di fichi senza zucchero e con il Bimby

Prepariamo insieme il ghiacciolo al limone, semplice e rinfrescante!