Una delle domande più ricorrenti è: cosa succede se si mangia il miele scaduto? La risposta è qui, insieme a tutte le altre curiosità in merito a questo tema.

Può capitare di dimenticare i vari vasetti in dispensa e non controllare in tempo le varie etichette, che indicano la scadenza di un prodotto. Ciò può accadere anche con il famoso nettare degli dèi. Per questo motivo, è importante capire cosa fare con il miele scaduto. Questo ingrediente è uno di quelli che hanno tempi di conservazione lunghissimi, ma che dipendono dalle condizioni in cui è conservato il barattolo. Ci sono, però, alcuni particolari che ci aiutano a capire se il miele è andato a male o è ancora commestibile, anche dopo la scadenza.

10 ricette per arrivare pronti alla prova costume

Miele scaduto
Miele scaduto

Mangiare miele scaduto: cosa succede al nostro corpo

Quando si ha davanti un prodotto industriale, è bene controllare l’indicazione sull’etichetta del recipiente. Tuttavia, dovete sapere che la data riportata su un barattolo di miele è un Termine Minimo di Conservazione. Esso indica solo il periodo oltre il quale le proprietà benefiche del prodotto potrebbero perdere di efficacia. Ciò significa che, oltre quella data, il prodotto risulta comunque commestibile, ma i suoi valori nutritivi possono diminuire.

A questo punto, c’è da chiedersi quanto dura il miele dopo la scadenza. Bene, questo prodotto può essere conservato anche per anni dopo la sua scadenza o data di produzione (nel caso di un prodotto fatto naturalmente). Tutto, però, dipende dallo stato di conservazione. Il barattolo deve essere sempre chiuso completamente e tenuto in un luogo lontano dai raggi del sole e fresco. La temperatura ideale si aggira intorno ai 20°C e non devono esservi sbalzi troppo significativi di aria.

Come si può utilizzare il miele scaduto?

A lungo andare, il colore di questo nettare degli dèi potrebbe scurirsi. Anche la sua consistenza potrebbe diventare più dura, ma non temete. Questi due segnali non indicano che il prodotto non è più commestibile, ma solo che le sue proprietà stanno affievolendosi. Potete ancora consumarlo senza problemi, ma prima scaldatelo un po’ per ammorbidirlo. Vi sono alcuni segnali su come capire se il miele è andato a male. Il più importante è quello della presenza di muffe sulla sua superficie, che indica che il prodotto potrebbe essere dannoso per l’organismo.

Quindi, come si può utilizzare il miele scaduto? Se proprio non volete consumarlo a tavola, potete utilizzarlo come cosmetico. Questo ingrediente è utile per utilizzare uno scrub per il viso. Miscelato a oli essenziali, zucchero di canna e olio vegetale e usatelo per massaggiare viso e collo, prima di andare a dormire. Un’ottima alternativa è usarlo come cera per la depilazione.

Se il prodotto è ancora di qualità, usatelo per preparare una spettacolare torta alveare!

Riproduzione riservata © 2022 - DV

ultimo aggiornamento: 30-11-2021


Attenzione! Ecco cosa non buttare (assolutamente) nel lavandino

Sapete perché lasciamo latte e biscotti a Babbo Natale?