Ingredienti:
• 1 pan di Spagna da dividere a metà
• 5 uova (albumi+tuorli)
• 100 ml di latte
• 100 g di zucchero
• 150 g di burro
• 15 g di colla di pesce
• 1 cucchiaio di amido di riso
• 100 g di cioccolato fondente
• 200 g di panna
difficoltà: media
persone: 10
preparazione: 60 min
cottura: 20 min
kcal porzione: 550

Un nome buffo per un dolce russo super soffice: quella della torta latte di uccello (bird’s milk cake) è una ricetta tutta da scoprire!

Il nome torta latte di uccello fa sorridere, ma se siete incuriositi e amate andare oltre le apparenze vi troverete davanti un dolce paradisiaco. Conosciuto da anni e anni in Russia, è diventato popolare anche nel nostro Paese più di recente, complice sicuramente (anche) il nome bizzarro.

Dunque, di cosa stiamo parlando? Questa torta russa, nota anche come bird’s milk cake è composta da un base di pan di Spagna, una mousse e una ganache al cioccolato. Ma non fatevi ingannare, non è facile come sembra: la leggenda narra che prima di realizzare una ptichye moloko (questo il suo nome in russo) perfetta ai pasticceri di Mosca ci sono voluto oltre 6 mesi di tentativi!

Siete curiosi di scoprire come si prepara? Ecco l’infallibile ricetta della torta latte di uccello e, per concludere, qualche aneddoto sulla sua storia per i più curiosi!

9 ricette autunnalli per la tua tavola

torta latte di uccello russa
torta latte di uccello

Come fare la torta latte di uccello con la ricetta russa

Noi useremo una base già pronta per velocizzare la ricetta, ma se volete realizzare tutto in casa potete seguire la nostra ricetta del pan di Spagna. Per noi, dunque, la preparazione della torta latte di uccello si divide in tre: mousse, ganache e assemblaggio. Per semplificare il tutto abbiamo riportato in ogni fase gli ingredienti necessari. Iniziamo!

Come fare la mousse della torta latte di uccello

mousse latte di uccello
mousse latte di uccello

La mousse al latte o soufflé sarà la parte più impegnativa di tutta la ricetta: dovremo andare a realizzare una sorta di crema pasticcera e una meringa all’italiana (o un suo lontano parente) e poi le uniremo, aggiungendo abbondante gelatina. Ora che abbiamo chiarito che cosa ci aspetta, ecco cosa serve e come procedere:

  • 5 uova (albumi+tuorli)
  • 100 ml di latte
  • 100 g di zucchero
  • 150 g di burro
  • 15 g di colla di pesce (gelatina)
  • 1 cucchiaio di amido di riso
  1. Per prima cosa mettete la gelatina in acqua fredda ad ammollare, così quando ci servirà sarà pronta.
  2. In una terrina, montate i rossi d’uovo aggiungendo l’amido setacciato fino ad ottenere un composto bello spumoso.
  3. Nel frattempo, fate scaldare il latte con il burro fino a sfiorare l’ebollizione.
  4. Versate il liquido a filo sul composto di uova senza mai smettere di mescolare.
  5. Trasferite di nuovo il tutto sul fuoco e fate addensare mescolando continuamente per evitare grumi.
  6. Una volta pronta, tenete da parte coprendo con della pellicola a contatto per evitare che raffreddandosi si formi la fastidiosa crosticina.
  7. Montate gli albumi a neve ben ferma con lo zucchero aiutandovi con delle fruste elettriche o una planetaria.
  8. Strizzate la colla di pesce e fatela sciogliere a fuoco basso.
  9. A questo punto aggiungete il composto di albumi nella gelatina e non viceversa (questo trucchetto vi permetterà di evitare lo shock termico e quindi i grumi).
  10. Ora non vi resta che unire i due composti con delicatezza.

A questo punto, dovrete agire in fretta per evitare che la mousse vi si solidifichi nella ciotola. Fortunatamente, la ganache p molto veloce da realizzare.

Come fare la ganache al cioccolato

ganache al cioccolato
ganache al cioccolato

Al contrario della preparazione precedente, la ganache non è complessa da fare. Ecco cosa ci serve:

  • 100 g di cioccolato fondente
  • 200 g di panna
  1. Sul fornello, fate intiepidire la panna.
  2. Poco prima che raggiunga il bollore, aggiungete il cioccolato spezzettato.
  3. Mescolate bene fino a completo scioglimento e lasciate intiepidire.

Composizione della torta

  1. A questo punto non ci resta che assemblare. Per prima cosa tagliate il pan di Spagna in due dischi. Ponete il primo alla base di una tortiera con cerniera apribile da circa 24/26 cm. Se necessario, potete tagliare la base per adattarla nel diametro.
  2. Fate un primo strato utilizzando metà mousse.
  3. Prendete il secondo disco di pan di Sapgna e tagliate i bordi diminuendone il diametro di almeno un paio di cm. Ponetelo sul primo strato di crema.
  4. Fate un ultimo strato di crema, utilizzando tutta quella che vi avanza.
  5. Completate con la ganache al cioccolato che nel frattempo si sarà raffreddata. È importante che non sia calda, altrimenti la base sotto si scioglierà e cederà.
  6. Lasciatela in frigo per almeno 4/5 ore prima di tagliarla, meglio se per una notte intera.

La storia della bird’s milk cake

Pensate che questa torta è una delle poche con tanto di brevetto: risale all’epoca socialista e fu messa a punto, come vi abbiamo accennato, dopo moltissimi tentativi, da Vladimir Gural’nik e il suo team di pasticceri del ristorante Praga di Mosca.

Per scoprire l’origine, però, dobbiamo andare ancora ancora più indietro nel tempo e spostarci in Polonia. Qui, i ptasie mleczko (trad. latte di uccello) sono dei popolarissimi cioccolatini con ripieno di soufflé a latte. Quando i russi li conobbero c’è da scommettere che ne furono così golosi, da rendergli omaggio creando addirittura una torta che ne riprendesse i sapori!

Ma quindi, perché questo nome? Cosa c’entrano gli uccelli? Beh, se avete ancora qualche curiosità sull’etimologia di questo dolce, sappiate che dobbiamo fare ancora un passo indietro. Nell’Antica Grecia e nella letteratura latina si fa riferimento al latte di uccello per descrivere una “delicatezza irraggiungibile” o una “grande rarità” (Petronio e Plinio il Vecchio).
In seguito, nelle fiabe popolari (perlopiù slave) si parla di principesse che mandano principi a cercare del latte di uccello nel deserto e di creature alate di fantasia che producono latte (Gagana).

Conservazione

Questa torta mousse va conservata tassativamente in frigo, un po’ come una cheesecake o una torta fredda; consumatela entro circa 3 giorni. Sconsigliamo di congelarla per via della presenza di gelatina.

Se amate le ricette originali che arrivano da lontano, provate anche la pancho cake, un’altra specialità russa!

0/5 (0 Reviews)
TAG:
Torte

ultimo aggiornamento: 15-04-2021


La ciambella bicolore col Bimby è una gioia per gli occhi e per il palato!

È davvero impossibile resistere al fiore di Nutella!