Ingredienti:
• 1 pan di Spagna
• 5 tuorli
• 250 ml di latte
• 125 g di burro
• 1 canestrello
• 100 ml di Marsala
• 65 g di farina
• 150 g di zucchero
• 1 cucchiaino di cacao amaro in polvere
• rum q.b.
difficoltà: facile
persone: 4
preparazione: 30 min
cottura: 50 min

Un dolce da poter gustare a colazione oppure per una merenda ricca di sapore, adatta a grandi e piccini: è la torta sacripantina!

Questa deliziosa torta di origine ligure, ha il sapore antico e gustoso delle leccornie di una volta, ricche di genuinità e autenticità. La torta sacripantina rappresenta un grande classico della pasticceria genovese, fiore all’occhiello della città insieme al pesto e alla focaccia. La torta sacripantina è un dolce tipico, la cui ricetta, nonostante sia complessa, risulta facile e veloce.
L’origine della torta sacripantina risale al 1851 ed è dovuta a Giovanni Preti che la creò nella sua vecchia pasticceria di Piazza Portello a Genova. Il suo nome deriva da un personaggio dell’Orlando Furioso di Ludovico Ariosto, Sacripante.

Ricette di Primavera: 9 piatti per la tua tavola

Torta sacripantina
Torta sacripantina

Preparazione della ricetta per la torta sacripantina

  1. La prima fase della preparazione della sacripantina genovese è costituita dal pan di Spagna, che è preferibile preparare il giorno prima stando alla ricetta originale.
  2. Sbattete, quindi i tuorli da soli, aggiungete lo zucchero, la farina e il marsala e amalgamare bene. Scaldate il latte sul fuoco e aggiungerlo al composto.
  3. Mescolate il composto ottenuto a bagnomaria con lo sbattitore per circa 7 minuti e quando si raffredda aggiungere il burro ammorbidito.
  4. Mescolate nuovamente e aggiungere il rum, mentre ad una parte della crema aggiungete il cacao in polvere.
  5. A questo punto tagliate un disco di pan di Spagna dello spessore di 1 cm, avendo cura di rifinire bene i bordi e bagnarlo con il Marsala. Assicuratevi che il pan di Spagna sia perfettamente pulito prima di bagnarlo.
  6. Inserite la crema al cacao creando una cupola al centro e sulla cupola aggiungere un canestrello bagnato col marsala e coperto con la crema bianca.
  7. Disponete a questo punto sul dolce una retina di pan di Spagna sottile e coprirla con il Marsala, quindi coprirla con la restante crema bianca e spolverarla con il pan di Spagna grattugiato.
  8. Prima di servirla, riponetela in frigo per farla solidificare.

Conservazione

La torta sacripantina, come tutti i dolci farciti con crema e panna, va conservata in frigo per un tempo massimo di 2 giorni. Prima di mangiarla si consiglia di tenerla fuori dal frigo per 10 minuti.

Un altro dolce da provare è il pandolce genovese!

0/5 (0 Reviews)

Riproduzione riservata © 2022 - DV

Torte

ultimo aggiornamento: 18-02-2022


Buonissima ricetta della crostata di frutta: scopri subito come prepararla!

La torta di tagliatelle: un mix di gusto e dolcezza