Ecco tutti i migliori consigli su come far maturare i kiwi in casa, in maniera veloce, e su come, dove e vicino a cosa conservarli.

Così come altri frutti, il kiwi è definito un prodotto climaterico. Per intenderci, esso è in grado di proseguire la maturazione anche dopo essere stato staccato dall’albero. Una volta raggiunta la grandezza consueta, il frutto può essere raccolto anche se la sua polpa risulta ancora dura e – di conseguenza – anche acidula. Non temete, perché potete farli maturare velocemente nelle vostre case. Ciò che serve a questo e altri frutti, come ad esempio mele, pere, banane, pesche, è un luogo caldo e della compagnia.

9 ricette autunnalli per la tua tavola

Come far maturare i kiwi
Come far maturare i kiwi

Come far maturare i kiwi in casa

Se si decide di raccogliere questo frutto quando non è ancora sufficientemente maturo o, dopo averlo comprato, notate che è ancora troppo acerbo, si può completare il processo nelle proprie case. Ciò che è utile è la temperatura della vostra cucina, che risulta più calda rispetto a quella che si può trovare nei campi. Tuttavia, è importante ricordare di tenere questi frutti in un luogo non caldissimo e, comunque, fresco e asciutto, oltre che lontano dalla luce.

Qual è il metodo per far maturare i kiwi? Semplice, riponeteli in una cassetta con accanto altri frutti. Questi ultimi, però, devono essere anch’essi in grado di completare la loro maturazione dopo esser stati raccolti. Frutta di questo tipo sono mele, pere o banane. Per ogni 5 o 6 kiwi affiancate una mela e attendete circa 7 giorni per il completamento dell’operazione. Il processo è ancora più rapido se riponete i kiwi in un sacchetto di carta o plastica (sempre con affianco una mela o una pera), perché in questo caso sono sufficienti solo 4-5 giorni. Quando il frutto appare morbido, potete consumarlo subito.

Consigli su come conservare i kiwi

Questi frutti, che siano maturi o meno, si conservano molto bene in casa. Potete tenerli in una cassetta a temperatura ambiente, in un luogo fresco, asciutto e buio. Disponeteli in un’unica fila, senza sovrapporli o schiacciarli troppo l’uno contro l’altro. In questo modo, la loro qualità resta intatta per diverse settimane. Per averli a disposizione molto più tempo, potete tenerli in frigo per un paio di mesi, chiusi in un sacchetto di plastica. In alternativa, tagliateli a fette e congelateli in freezer.

Ricordate, però, insieme a cosa non andrebbe mai conservato un kiwi maturo. Una volta completato il processo di maturazione, non può più entrare in contatto con mele, banane o pere. Il processo continuerebbe, facendo maturare troppo il frutto e riducendo i tempi di conservazione. Il consiglio migliore è di tenere i kiwi sempre in un cassetto o un sacchetto a parte, lontano da altra frutta.

Un modo delizioso per conservare il sapore di questi frutti è realizzare una marmellata di kiwi.

Riproduzione riservata © 2021 - DV

ultimo aggiornamento: 24-11-2021


Usi alternativi (e impensabili) per sfruttare le proprietà della Coca Cola

Sapete perché si chiama pan di Spagna? Ecco la vera storia