Ingredienti:
• 6 limoni non trattati
• 500 ml di alcol puro
• 500 ml di latte intero
• 500 ml di panna fresca liquida
• 700 g di zucchero
difficoltà: facile
persone: 10
preparazione: 15 min
cottura: 15 min

La ricetta della crema di limoncello fatta in casa è davvero molto semplice e il il risultato vi lascerà senza fiato. Il segreto? I limoni di Amalfi.

La crema di limoncello è un liquore cremoso e denso tipico della Campania, che si può replicare facilmente in casa avendo cura di scegliere ingredienti freschissimi. Il segreto sta nei limoni, che devono essere assolutamente non trattati, dalla buccia spessa e piena di oli essenziali: quelli di Amalfi sono la qualità perfetta per creare questa bevanda. Siete pronti per iniziare? Aggiungete tanta pazienza agli ingredienti e seguiteci!

Preparazione della crema di limoncello

Crema di limoncello
Crema di limoncello
  1. Prima di tutto lavate bene i vostri limoni, asciugateli e tagliate la scorza. Fate attenzione a eliminare la parte bianca tra la scorza e la polpa perché ha un gusto decisamente amarognolo.
  2. Prendete un vasetto, metteteci dentro le scorze e il mezzo litro di alcol puro, chiudete ermeticamente il contenitore e lasciate macerare le scorze per almeno un mese (in un luogo fresco e buio, agitando il vaso ogni giorno per far smuovere le scorze).
  3. Passati 30 giorni aprite il barattolo, togliete le scorze, filtrate il liquido con un colino e mettetelo da parte.
  4. Versate in una pentola a freddo il latte, la panna e tutto lo zucchero e scaldate a fuoco medio fino a che non arriva a ebollizione.
  5. Una volta raggiunto il bollore assicuratevi che lo zucchero si sia sciolto, poi spegnete la fiamma e lasciate raffreddare.
  6. Unite in una ciotola il liquido filtrato dal barattolo e quello nel pentolino, mescolate bene e frullate tutto fino a ottenere una crema omogenea.
  7. Adesso dovete versare il contenuto dentro delle bottigliette, chiudetele bene e mettetele in freezer: dovranno riposare per almeno un altro mese.

Passato un mese in congelatore la vostra crema di limoncello sarà pronta per essere servita in tavola a fine pasto, magari accompagnata da un bel dolce, come un plumcake con uvetta. I biscotti spugnosi o i plumcake sono infatti perfetti con questo tipo di liquore cremoso.

La conservazione della crema di limoncello?

Solitamente chi prepara la crema al limoncello desidera anche conservarla a lungo. Perché il prodotto non vada a male è necessario però seguire alcuni consigli.

– Prima di tutto dovrete usare un latte UHT (a lunga conservazione) e parzialmente scremato. Il gusto finale dipenderà molto da questo ingrediente, rendendo la crema meno forte e gustosa, tuttavia è possibile usare anche il latte intero. Come? Basterà assicurarsi di far bollire il latte per evitare la proliferazioni di batteri dopo l’imbottigliamento.

– Anche il contenitore dove riporre la crema deve essere curato particolarmente. La bottiglia o le bottigliette di vetro devono essere ben sterilizzate: basterà far bollire il contenitore, con il suo tappo, in una pentola d’acqua per almeno 30 minuti prima di versare la crema.

– Infine se volete poi conservare il limoncello in crema per molto tempo è d’obbligo lasciare le bottiglie nel freezer.

Mai più dieta punitiva! Scarica QUI il ricettario light di Primo Chef.

0/5 (0 Reviews)
Aggiungi al ricettario

Non rinunciare al gusto! Ecco il ricettario per dolci light e buonissimi


Tiramisù con mascarpone vegan: una ricetta incredibilmente golosa!

La ricetta dell’Old Fashioned, il cocktail per gli amanti del whiskey!