Se non avete idea di come fare, sappiate che esistono tanti modi creativi per riciclare le bucce di mandarino!

I mandarini sono uno dei frutti più salutari che la natura può donarci. Ricchi di benefici per l’organismo umano, contengono un’alta quantità di vitamine, fortemente presenti anche nella scorza. Per questo motivo, è bene non buttarla, ma abituarsi a riutilizzare ogni parte di questo prezioso frutto. Vi sono, infatti, molti modi in cui poter riciclare le bucce di mandarino, piuttosto che disfarsene. Da quelle più comuni a quelle più creative, vi raccogliamo tutte le migliori idee per il riciclo di questo prodotto.

Ricette di Primavera: 9 piatti per la tua tavola

Riciclare le bucce di mandarino
Riciclare le bucce di mandarino

Come riciclare le bucce di mandarino e usarle in cucina

Se avete a disposizione delle bucce di questo frutto, vi sono alcune alcune idee per non buttarle e usarle in alcune ricette. Innanzitutto, precisiamo che può essere grattugiata e usata come aroma per torte e impasti dolci, proprio come accade per la scorza di arancia. Il sapore e il profumo di questo frutto possono essere sfruttati anche in una marmellata di mandarini. Per renderla più ricca, potete frullare le bucce e aggiungere la crema che si viene a creare alla polpa, lavorandole insieme per un prodotto gustoso.

Come tutti gli altri frutti canditi, è possibile caramellare anche le scorzette di questi piccoli frutti arancioni; la preparazione è la stessa di qualsiasi altro prodotto candito. Sapete come riutilizzare le bucce del mandarino per un infuso? Basta immergerle in acqua, far bollire e poi lasciar riposare (per 5 minuti), prima di filtrare il risultato e gustarlo.

Per non buttare le bucce del mandarino, potete essiccarle in casa. Lasciatele in forno a temperatura bassa (circa 50°C), fino a privarle di umidità. Una volta secche, potete anche tritarle e ottenere un’aromatizzata polvere, per decorare i vostri dolci. In alternativa, sono ottime anche per realizzare un semplice liquore al mandarino o aromatizzare l’olio, mettendo in infusione le bucce di 5 frutti per ogni 500 ml di olio d’oliva.

Riutilizzare le bucce per sfruttarne il profumo

Ci sono anche tante idee per riutilizzare la buccia di questo frutto, sfruttandone la fragranza. Il mandarino è molto profumato e, infatti, è in grado di rendere fragrante qualsiasi dolce o crema. Per riciclarne la scorza, possiamo avvalerci proprio di questa proprietà.

Una volta essiccate, potete mettere le bucce in sacchettini di stoffa e riporli in cassetti e armadi, per ottenere dei sacchetti profuma-biancheria. Allo stesso modo, potete includerle in un pout-pourri. Insieme a fiori, come gelsomino e lavanda, e altri aromi, come la cannella, il risultato è un prodotto profumato e una decorazione piena di stile.

Siete golosi di questo frutto? Vi presentiamo la profumata torta al mandarino.

Riproduzione riservata © 2022 - DV

ultimo aggiornamento: 02-03-2022


Tutti i segreti su come sostituire l’alcol nei dolci

Differenza tra fecola di patate e amido di mais: da ora niente più segreti